Indennità di maternità/paternità per iscritti alla Gestione Separata

L’Inps, con circolare n.42 del 26 febbraio, in seguito alle modifiche apportate dal D.Lgs. n.80/15, art.13, al T.U. maternità/paternità, ha offerto istruzioni amministrative e operative in materia di:

indennità di maternità/paternità, in favore delle lavoratrici e dei lavoratori iscritti alla Gestione Separata, genitori adottivi o affidatari, per un periodo di astensione di 5 mesi;

diritto all’indennità di congedo di maternità/paternità in favore delle lavoratrici e dei lavoratori “parasubordinati” iscritti alla Gestione separata nei casi in cui il committente o l’associante in partecipazione non abbia effettuato il versamento dei contributi dovuti (c.d. automaticità delle prestazioni).

Il citato decreto ha, infatti, operato un’estensione ai parasubordinati del principio cd. di automaticità delle prestazioni in base al quale, anche se il datore di lavoro non ha versato tutti i contributi dovuti sulle retribuzioni, i dipendenti conservano comunque il diritto alle prestazioni.
Con la modifica apportata dal Jobs Act l’erogazione dell’indennità di congedo di maternità/paternità sarà dunque garantita anche in assenza del versamento dei contributi all’Inps da parte del committente/associante, fermo restando il requisito per il diritto alle prestazioni, pari a tre mesi di contributi nei 12 mesi antecedenti l’inizio del congedo e il pagamento, da parte del committente/associante, del compenso alla lavoratrice o lavoratore parasubordinato.

L’automaticità delle prestazioni è solo in favore delle lavoratrici e dei lavoratori “parasubordinati” che non sono responsabili dell’adempimento dell’obbligazione contributiva che è in capo al committente/associante.
L’Inps precisa che il nuovo principio si applica ai periodi di congedo di maternità/paternità iniziati in data successiva al 25 giugno 2015 (data di entrata in vigore del dlgs n. 80/2015), nonché a quelli cosiddetti «a cavaliere», ossia in corso di fruizione alla predetta data, e anche per la quota parte di congedo anteriore al 25 giugno 2015.

0