Jobs Act, apprendistato: tris di incentivi per i datori di lavoro

Il Decreto Legislativo n. 150 del 2015, di riordino delle politiche attive del lavoro, attuativo del Jobs Act, ha introdotto un mix di incentivi per rendere più appetibili i contratti di apprendistato.
In particolare i datori di lavoro che stipulino contratti di apprendistato per la qualifica, il diploma o la specializzazione tecnica superiore tra il 24 settembre 2015 e il 31 dicembre 2016 potranno contare su:

l’esenzione dal contributo di licenziamento;

un’aliquota contributiva ulteriormente ridotta (da 10 a 5 punti percentuali);

lo sgravio totale dei contributi a carico del datore di lavoro di finanziamento dell’ASpI;

lo sgravio pari allo 0,30% delle aliquote contributive previste dall’articolo 25 della legge n. 845 del 1978, per favorire l’accesso al Fondo sociale europeo e al Fondo regionale europeo dei progetti realizzati dagli organismi dell’Unione Europea.

Gli incentivi riguardano esclusivamente le assunzioni con contratto di apprendistato per la qualifica e il diploma professionale, il diploma di istruzione secondaria superiore e il certificato di specializzazione tecnica superiore.

0