INPS: da domani operativo il nuovo Polo Unico per le visite fiscali

Uno dei principali obiettivi del nuovo Polo Unico per le visite mediche di controllo è passare – nei prossimi anni dagli attuali 300.000 a oltre mezzo milione di controlli sui lavoratori pubblici, anche con visite reiterate soprattutto a ridosso dei weekend e delle festività. Grazie al nuovo sistema, operativo da domani, l’Inps estenderà la sua competenza sui lavoratori pubblici, effettuando le visite non solo su richiesta del datore di lavoro, come avvenuto sinora, ma anche d’ufficio, operazione finora spettante alle Asl.

Viene prevista, almeno nelle intenzioni, la possibilità di controllare più volte la stessa persona nella stessa giornata e quindi il lavoratore malato dovrà restare a casa nelle fasce di reperibilità anche se è già stato controllato. Si tratta, tuttavia, di un’ipotesi di difficile applicazione, al momento, considerata l’esiguità delle risorse economiche a disposizione.

Non si parla di controlli fatti a caso: l’Inps riceverà telematicamente tutti i certificati di malattia e un sistema sofisticato li elaborerà scegliendo gli eventi più probabilmente passibili di riduzione di prognosi. Inoltre le visite dovrebbero concentrarsi nei giorni a ridosso dei fine settimana e dei ponti, in cui si moltiplicano gli eventi di malattia.

Si punta anche sull’armonizzazione delle fasce di reperibilità, attualmente diverse fra i dipendenti pubblici, che possono ricevere la visita del medico fiscale dalle ore 9:00 alle 13:00 e dalle ore 15:00 alle 18:00, e i dipendenti privati, la cui fascia di reperibilità è ridotta dalle ore 10:00 alle 12:00 e dalle ore 17:00 alle 19:00; una difformità che dovrebbe essere eliminata da un prossimo decreto del Governo, mirato a estendere a sette ore la reperibilità del settore privato, ora ferma a quattro.

0