INPS: Il certificato medico di gravidanza diventa telematico

Con la circolare n. 82/2017 l’Inps ha fornito le prime indicazioni sulle nuove modalità di trasmissione e consultazione telematica del certificato medico di gravidanza e di quello di interruzione della stessa.

Abilitati alla trasmissione telematica di tali certificati sono solo i medici del Servizio Sanitario Nazionale o con esso convenzionato, attraverso l’apposito servizio nella sezione riservata ai “Medici certificatori”. La trasmissione telematica esonera pertanto la donna dalla necessità di presentare il certificato in formato cartaceo all’Inps anche se è previsto un periodo transitorio di tre mesi dalla data di pubblicazione della circolare in questione durante il quale è ancora possibile il rilascio cartaceo.

I certificati telematici ricevuti dall’INPS sono messi a disposizione della donna sul sito dell’Istituto, previa identificazione con PIN o CNS mentre i datori di lavoro, autenticandosi con PIN o CNS, esclusivamente previo inserimento del codice fiscale della lavoratrice e del numero di protocollo del certificato fornito dalla stessa, potranno accedere in consultazione agli attestati attraverso un’apposita applicazione esposta sul sito dell’Istituto. I soggetti abilitati alla consultazione degli attestati di malattia sono automaticamente abilitati anche alla consultazione degli attestati di gravidanza e di interruzione.

La nuova modalità di trasmissione in via telematica non impedisce, tuttavia, alla lavoratrice di ottenere dal medico certificatore, oltre al numero di protocollo assegnato all’invio, anche una copia cartacea del certificato medico richiesto.

In caso di erronea trasmissione, è possibile procedere all’annullamento del certificato entro la mezzanotte del giorno dopo l’invio. In tale lasso di tempo il certificato sarà considerato dalla procedura “non consolidato” e non produrrà alcun effetto ai fini amministrativi.

Una volta decorsa la mezzanotte il certificato si considererà “consolidato” e un’eventuale cancellazione potrà essere effettuata solo previa presentazione di una richiesta scritta ed adeguatamente motivata.

0