INPS: Naspi per gli stagionali

In seguito alle numerose lamentele pervenute dai lavoratori stagionali del settore del turismo e degli stabilimenti balneari l’Inps – con il messaggio n. 1647 del 14/04/2017 ha richiamato le sedi periferiche al corretto ricalcolo della prestazione Naspi secondo il correttivo di cui all’art. 43, comma 4 bis del D.lgs. n. 148 del 2015, come integrato dal D.lgs. n. 185 del 2016.

Per procedere al corretto ricalcolo della prestazione dei lavoratori stagionali è necessario preliminarmente completare i pagamenti della domanda di prestazione Naspi interessata e successivamente attivare il servizio di ricalcolo.
Occorrerà, quindi,  completare i pagamenti della domanda dei lavoratori e, definita la pratica, l’operatore della struttura territoriale dovrà riaprirla. Successivamente, se si attiva il servizio di ricalcolo lo stesso provvederà a non conteggiare tra le settimane da scomputare quelle che hanno dato luogo – nell’ultimo quadriennio – alle prestazioni di disoccupazione ordinaria con requisiti normali e/o con requisiti ridotti e miniAspi 2012.

Il ricalcolo diverrà effettivo, a condizione che la prestazione teorica ricalcolata risulti pari o superiore a 12 settimane rispetto a quella spettante prima del ricalcolo; la durata della prestazione da erogarsi effettivamente sarà prolungata di un mese, ma non potrà superare i 4 mesi.
Con il messaggio in questione l’Ente di previdenza invita le sedi a definire con urgenza le domande di Naspi dei lavoratori interessati completando i relativi pagamenti ed effettuare immediatamente il ricalcolo della indennità, ove sussistano i presupposti.

0